Meeting Assodima

27,28 ,29 settembre 2019 - IX Meeting Assodima - Senigallia

 

I partecipanti potranno iscriversi in loco, tramite la segreteria organizzativa (in Piazza Garibaldi) e gli info point Assodima e seguire le attività scelte per i tre giorni di meeting.

Visto l'elevato numero di strutture ricettive a disposizione e la varietà dei servizi offerti, ognuno potrà trovare sicuramente la sistemazione più confacente alle proprie esigenze

 

Il  PROGRAMMA COMPLETO DELLE ATTIVITA' ( suddiviso in due file) E' SCARICABILE IN FORMATO PDF Ai link  LINK SOTTOSTANTi .

Venerdì 27 settembre 2019

Il  PROGRAMMA COMPLETO DELLE ATTIVITA' ( suddiviso in due file) E' SCARICABILE IN FORMATO PDF Ai link  LINK SOTTOSTANTi .

 Sabato 28 e Domenica  29 settembre 2019 

 teatraUn readingle sul cambiamento climatico

 

"LA MARGHERITA DI ADELE 2.0"

 il futuro tra scienza informazione e spettacolo

 

Il cambiamento climatico è un tema scientifico, internazionale e trasversale, che si affronta sempre più spesso tra addetti ai lavori, nei convegni, nelle tavole rotonde e nelle conferenze. Cerca di ritagliarsi uno spazio nelle politiche di tutti i paesi del mondo, nelle sue declinazioni

della mitigazione e dell'adattamento. Ma cosa si sa del cambiamento climatico fuori dagli ambienti scientifici? Che percezione ha la gente delle trasformazioni del clima già in atto e di quelle che si attendono per l'intero pianeta e in modo peculiare per il nostro territorio? Da questa volontà di condurre un vasto pubblico a una consapevolezza equidistante dal catastrofismo e dall'indifferenza, si è sviluppato il progetto teatrale La Margherita di Adele, un reading che racconta due

storie parallele ambientate in un futuro probabile, ma politicamente evitabile.  Questa storia è ambientata nel Delta del Po intorno al 2055 e racconta le vicende di alcuni ecoterroristi, “ladri di acqua” per necessità, in un mondo in cui l’acqua ormai è razionata e posta sotto il controllo di  società private.

Cosa potrebbe accadere se in un futuro non tanto lontano attorno a noi l'atmosfera fosse davvero sempre più calda e l'aria irrespirabile, la terra non più fertile, l'acqua ovunque scarsa e le piogge più rapide e violente?  E’ questa la domanda a cui si cerca di rispondere nello spettacolo, popolando uno dei tanti scenari ipotizzati dagli scienziati Carlo Cacciamani (Dipartimento della Protezione Civile) e Sergio Castellari (Agenzia Europea per l’Ambiente), ispirandosi alle proiezioni climatiche effettuate con i modelli. E nella storia, scritta da Marco Vignudelli, raccontata dalle voci vibranti

di Ilenia Burgio e Laura Gramuglia , accompagnata dalle musiche originali di Giacomo Bertocchi e dalle immagini di Nadia del Frate, l'immaginazione e l'invenzione letteraria che accompagnano il pubblico in questo viaggio nel futuro si ancorano alle informazioni scientifiche dei climatologi senza mai sconfinare nella fantascienza.

Questo futuro tratteggiato attraverso la narrazione non è l'apologia della catastrofe e ha invece, nella sua margherita resiliente, un messaggio positivo di costruzione e speranza.

LEGOSERIUS

Workshop Assodima, Senigallia 2019 - Lego Serious Play & Emergencies

 

“Le persone e le organizzazioni spesso si fermano solo alle decisioni, ma non condividono dei principi. Ciò comporta che ogni volta che devi prendere una decisione è come tornare all’anno zero.” (Giorgio Beltrami, LEGO SERIOUS PLAY: pensare con le mani – Franco Angeli 2017)

 

Finalità

L’obiettivo del progetto è quello di realizzare un evento, attraverso la metodologia LEGO SERIOUS PLAY (LSP), che sia finalizzato alla definizione di un “set di principi guida” riconosciuti e condivisi da tutti gli attori coinvolti nell’organizzazione della gestione di un Centro Operativo nel contesto di un possibile evento emergenziale.

Un set di principi guida che consenta di agire un’efficace “real time strategy” in risposta ad eventi imprevisti e imprevedibili che però richiedono una capacità di risposta tempestiva e coordinata.

Il progetto non propone una simulazione a fronte di uno specifico accadimento, ma una sessione volta a facilitare, negli attori coinvolti, la visione del sistema attualmente in essere al fine di determinarne le criticità (i colli di bottiglia, informativi e decisionali) e di ottimizzare invece un modello di risposta condiviso

 

Contesto

Secondo la normativa vigente, il Sistema di Protezione Civile è attivato in previsione di un rischio potenziale e sulla base della capacità di risposta autonoma dell’Amministrazione più prossima al cittadini che ne sono esposti. E’ una gestione che opera in base al Principio di Sussidiarietà, seguendo lo schema organizzativo delle cosiddette Funzioni Operative previste dal Metodo Augustus. Va riconosciuto, tuttavia, come nella realtà frenetica di una calamità, nessuna regola indica veramente quali siano i principi che determinano un flusso continuo, adattativo, armonico e coeso delle informazioni e delle decisioni, indifferentemente dagli eventi possibili e, talvolta, anche da quelli imprevedibili.

Il workshop consentirà così ai partecipanti di valorizzare e mettere a fattore comune best practice e anche esperienze di “sconfitta” (il cosiddetto worst case scenario) per una crescita personale e di squadra.

 Le attività in sintesi

Dopo le attività introduttive e dopo la definizione dello scenario di competenza, i partecipanti saranno chiamati, attraverso tecniche di “what if”, ad esplorare i processi decisionali agiti fino all’individuazione dei principi che guidano le decisioni stesse. Il processo di esplorazione e apprendimento riguarderà anche eventi già accaduti creando le condizioni per rileggere e capitalizzare le esperienze pregresse.

Questa esperienza affonda le radici nelle evidenze offerte dalle scienze neuroplastiche che descrivono il cervello come un organo plastico e quindi capace di rispondere in modo adattivo rispetto alle esperienze e agli stimoli che riceve. Come il cervello, così il gruppo coinvolto potrà adattare e modificare i propri principi decisionali a partire da stimoli derivanti da esperienze di simulazione di eventi pregressi e futuri.